Pianta di Manuka | Tutto quello che c’è da sapere su la straordinaria pianta da cui ha origine il Miele di Manuka

Pianta di Manuka

Il miele di Manuka è una particolare varietà di miele dalle straordinarie capacità terapeutiche, questo miele viene prodotto quasi esclusivamente in Nuova Zelanda perchè qui nasce e cresce la pianta di Manuka.

In questo articolo scoprirai tutto quello che c’è da sapere su questa meravigliosa pianta da cui ha origine il miele di Manuka…

 

Prima di leggere questo articolo ti consiglio di iscriverti alla newsletter di NaturaleBio, in questo modo riceverai tantissimi sconti e tutti gli aggiornamenti e novità sui prodotti alimentari biologici e naturali.

Iscriviti alla News Letter di NaturaleBio.com Iscrivendoti riceverai Sconti fino al 50% su una vasta gamma di prodotti legati al Miele di Manuka!
Clicca qui e Ricevi Sconti Gratuiti

In offerta!
In offerta!
In offerta!
In offerta!
In offerta!
In offerta!
Sfoglia la lista dei desideri
In offerta!
In offerta!

 

Cosa è la Pianta di Manuka e dove si trova?

La pianta di Manuka si trova soprattutto in Nuova Zelanda e in alcune zone dell’Australia.

Il suo nome botanico ufficiale è Leptospermum scoparium le fu attribuito da James Cook a causa delle tipiche ramificazioni disordinate di questo arbusto che rimandavano alle ramazze.

L’inglese Cook sbarcò sulle coste neozelandesi nel 1769 e si occupò molto di questa pianta, di cui apprezzava soprattutto le foglie come tè.

Inoltre, la Manuka pianta possiede numerosi impieghi a scopi terapeutici noti sin dai tempi dei Maori e poi tramandati ai coloni inglesi.

La pianta di Manuka si può presentare in varie dimensioni. Come coltura di copertura di circa 5 cm fino a alberi di 15 metri.

Solitamente si presenta come arbusto la cui altezza varia dai 2 ai 5 metri.

Viene definita una “pianta pioniera” in grado di insediarsi per prima nelle aree deforestate.

Pianta di Manuka Nuova Zelanda

In Nuova Zelanda esistono ampie zone collinose ricoperte da piante di Manuka, che regalano un profumo fragrante e nella stagione della fioritura le colline si trasformano in vallate di fiori bianchi.

La Manuka pianta offre l’habitat adeguato a numerosissime specie animali, tra cui le api che dal nettare di questa pianta ricavano un miele dalle straordinarie capacità terapeutiche.

Per questo motivo gli apicoltori pongono i loro alveari in prossimità di queste piante nella natura incontaminate per produrre il Miele di Manuka.

 

Particolarità della pianta di Manuka

La Nuova Zelanda offre le più svariate condizioni climatiche.

La pianta di Manuka ha una crescita rapida e non è molto esigente per quanto riguarda la qualità del suolo, ma le caratteristiche dell’habitat dove cresce ne determina la qualità e la sua capacità antimicrobica.

Esistono territori sterminati in cui la la Manuka cresce senza alcun intervento esterno.

 

Infatti, la pianta stessa è in grado di produrre sostanze capace di difenderla da batteri, virus e funghi, per questo motivo è davvero inutile ogni uso di fertilizzanti e pesticidi per far crescere sana la pianta.

Di conseguenza anche in assenza del relativo marchio di certificazione biologica, il Miele di Manuka che ne risulta sarà comunque prodotto in maniera completamente ecologica.

Manuka Pianta

Ciò che rende “attivo” un Miele di Manuka è ancora oggetto di accurate ricerche

È stato scoperto il principio attivo responsabile delle sue straordinarie capacità antibatteriche il Metilgliossale, ma non è ancora chiaro quali siano le condizioni ambientali che inducono la pianta ad arricchire il suo nettare con questa sostanza.

 

Come viene raccolto il Miele di Manuka

Come ho detto in precedenza la pianta di Manuka è robusta e adattabile capace di estendersi in larga misura nella natura incontaminata.

Gli apicoltori posizionano i loro alveari nelle vicinanze di queste piante.

La Manuka pianta fiorisce a metà novembre circa e il processo di fioritura dura 4 settimane.

 

Appena il fiore si apre il nettare arriva sulla punta del fiore. L’ape che si posa sul fiore ne estrae il nettare e lo porta con sé nell’alveare.

Il fiore cadrà ma si schiuderanno altri occhielli lungo la pianta di Manuka, creando moltissime ricrescite nel cespuglio.

L’ape nell’alveare rigurgiterà il nettare e lascerà il compito alle api operaie di elaborare il nettare e trasformarlo in miele che poi verrà immagazzinato nei favi.

La lavorazione dell’uomo inizia dove finisce quella dell’ape, dopo che le api hanno immagazzinato il miele nei favi.

Raccolta miele di Manuka

Da questa pianta si ricava un prodotto straordinario, un miele che deve al Metilgliossale il suo potente effetto antimicrobico capace di rinforzare le nostre difese immunitarie e renderci più forti.

 

Che cosa è il Metilgliossale?

Un team di chimici alimentari del Politecnico di Dresda guidati da Thomas Henle è riuscito a far luce ed identificare il fattore unico di Manuka come il Metilgliossale.

Il metilgliossale è il principio attivo presente nel miele di Manuka responsabile della sua potente capacità antibatterica e che lo differenzia da qualsiasi altro miele al mondo.

La quantificazione del Metilgliossale avviene in termini assoluti, infatti oggi si può determinare in modo esatto la percentuale di metilgliossale in una data dose di miele (es. 100 mg di Metilgliossale in 1 kg di miele).

 

La potenza del Miele di Manuka è data dalla concentrazione di Metilgliossale al suo interno.

Esistono varie gradazioni di Miele di Manuka:

 

Come abbiamo già detto non è ancora chiaro quali siano le condizioni ambientali che inducono la pianta ad arricchire il suo nettare con questa sostanza.

Questo è ancora oggi oggetto di numerose ricerche di molti ricercatori.

Sembra che lo “stress” della pianta favorisca un contenuto elevato di metilgliossale nel miele di Manuka.

Ape Manuka

Proprietà del Miele di Manuka e tutte le sue Applicazioni:

Impiego esterno

Grazie alle proprietà del miele di manuka antibatteriche e antimicotiche è davvero efficace anche nel trattamento di numerose patologie della pelle.

Inoltre, è davvero efficace in caso di ferite e ustioni in quanto accelera i processi riparativi, tenendo la ferita pulita.

In questo caso ti basterà applicare uno strato di miele di manuka sulla zona di pelle da trattare, le modalità cambiano a seconda del tipo di problema.

 

Impiego interno

L’assunzione di miele di Manuka risulta essere davvero molto efficace in caso di infiammazioni e infezioni, e può rappresentare un’alternativa sana e naturale per curare numerose patologie.

Ma in ogni caso è sempre opportuno consultare un medico.

Scegliere la giusta concentrazione di metilgliossale nel trattamento di queste patologie è fondamentale, ricorda che più il miele dovrà andare in profondità più dovrà essere forte.

Per l’uso del miele di Manuka in ambito interno ti basterà ingerire puro il miele di Manuka, le modalità cambiano a seconda della patologia da trattare.

 

Se non sai dove acquistarlo ti consiglio il Miele di Manuka di NaturalePiù, lo puoi trovare in tutte le concentrazioni di Metilgliossale che cerchi.

 

Ci vediamo al prossimo aggiornamento…

Un saluto,

Fiamma 🙂

 

E tu? in quali modi hai utilizzato il Miele di Manuka? Condividi la tua esperienza con noi, scrivi qui sotto!

PS: Se mi lascerai un commento di ringraziamento o qualche critica costruttiva al post, te ne sarò infinitamente grata.

Se non l’hai già fatto, condividi l’articolo!

 

In offerta!
In offerta!
In offerta!
In offerta!
In offerta!
In offerta!
Sfoglia la lista dei desideri
In offerta!
In offerta!

Un pensiero su “Pianta di Manuka | Tutto quello che c’è da sapere su la straordinaria pianta da cui ha origine il Miele di Manuka

  1. Gabriele dice:

    Ciao
    Sono un piccolo apicoltore della provincia di Pisa e vorrei sapere se è possibile secondo voi provare a fare il miele di Manuka, avrei a disposizione alcuni ettari di terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *